Tennis World Italia
Tennis World
Rivista Tennis World
ATP TENNIS

ATP FINALS - Remuntada Sock: batte Cilic e sogna lo spareggio

-  Letture: 992
by Federico Mariani

Volendo osservare la situazione delle Atp Finals londinesi con l’occhio dell’ottimista, la penuria di grandi star nell’edizione 2017 – con Federer sempre più calato nel ruolo dell’uomo solo al comando – ha come piacevole effetto collaterale (l’unico?) l’equilibrio.

La sfida dei delusi della prima giornata del Gruppo intitolato a Becker – Marin Cilic e Jack Sock – si conclude al tie-break del terzo. Si tratta del quarto incontro sui cinque disputati finora all’O2 Arena a trovare epilogo nel set decisivo, l’unico è stato naturalmente quello vinto da Federer.

Con personalità, coraggio e faccia tosta il ragazzone del Nebraska – all’esordio rocambolesco tra gli 8 maestri – sorprende Cilic e lo giustizia al tie-break del terzo set infilando gli ultimi cinque punti e dopo aver rimontato un break di svantaggio.

Sock è ora vivissimo, mentre Cilic nel baratro. Se Federer dovesse vincere stasera con Zverev avrebbe già in mano il pass per le semifinali e ciò renderebbe di fatto la sfida tra l’americano e il campioncino tedesco un autentico spareggio.

Dopo un iniziale scambio di break e regali, il primo set si instrada sui binari preventivabili - quelli del servizio – e gira per un paio di punti, tutti naturalmente nel finale. Sul 5-5 Sock si inerpica fino alla palla break, ma il nastro salva Cilic disegnando una traiettoria mortifera per l’americano.

Scampato il pericolo, il croato fa subito centro nel game seguente: trova lo 0-40, manca le prime due chance e azzecca la terza trovando una risposta nei pressi della riga che Sock non riesce ad ammortizzare. La reazione dell’esordiente del Nebraska si sostanzia ancora nel break in apertura, vantaggio che stavolta Sock non solo difende, ma addirittura raddoppia.

Cilic, difatti, ha due chance per rientrare nel quarto game ma, dilapidate, crolla nel gioco seguente dischiudendo di fatto le porte del secondo set all’americano. Con perizia, Sock si limita a difendere il servizio senza patemi e tanto basta per artigliare il secondo set col punteggio di 6-2.

In avvio di terzo set, l’inerzia pareva muoversi nuovamente dalla parte di Cilic e, con essa, il break arpionato dal croato in avvio e difeso fino al 3-0. Con la testa sott’acqua, Sock reagisce con grande personalità e impiega poco a rimpossessarsi del maltolto prima e completare l’aggancio poi sul 3-3.

Si torna a quanto visto nel primo set: comandano i servizi al punto che nella seconda metà della frazione ci sono appena tre punti per chi risponde. Il tie-break è tanto giusto quanto inevitabile. Il primo a scappare è Cilic, grazie al minibreak che lo porta sul 4-2, ma quello resterà l’ultimo punto del jeu decisif per il croato.

Sock ricuce lo svantaggio grazie a un grandissimo recupero dopo l’ennesima deviazione del nastro, oggi più croato che mai, e con straordinaria sicurezza mette il sorpasso sul 4-4 e non si volta più indietro.

In 2 ore e 28 minuti Sock fissa sul 7-4 il punteggio del tie-break e resta in corsa nella sua prima avventura alle Finals londinesi.

↓ VISUALIZZA RISULTATI ↓

Powered by: World(129)