ATP TENNIS

ATP BRISBANE - Semifinali con sorprese: super Dimitrov elimina Raonic, Nishikori doma Wawrinka!

-  Letture: 6564

Migliore inizio di stagione non poteva esserci per Grigor Dimitrov, il bulgaro sconfigge il campione uscente Milos Raonic e acciuffa la finale dell'Atp 250 di Brisbane (Australia, cemento).

Dopo aver sconfitto Dominic Thiem, due indizi cominciano a fare una prova per l'ex baby prodigio, il quale gioca una partita davvero efficace e per la terza volta in quattro confronti diretti ha la meglio del suo avversario.

Per Raonic decisiva, in negativo, la percentuale di prime palle in campo che si attesta al 46% in campo: troppo poco per il suo gioco che ne risente oltremodo quando non entrano i bolidi ad oltre 220 km/h. Il primo set è equilibratissimo con entrambi i giocatori che tengono i rispettivi turni di servizio senza sudare minimamente e allora l'epilogo più scontato è il tie-break.

Un tie-break che si gioca punto a punto e che vede Raonic avere un set point sul 6-5, brillantemente annullato dal bulgaro che a sua volta ne manca uno, ma concretizza il secondo sull'8-7. La partita sembra potersi mantenere equilibrata, ma sul 2-2 del secondo set Dimitrov cambia marcia e brekka per due volte di fila Raonic: un allungo mortifero che chiude di fatto i conti senza nessuna possibilità di appello per il canadese che si deve arrendere con lo score finale di 7-6(7) 6-2.

Dimitrov, alla seconda finale della sua carriera a Brisbane dopo quella del 2013, se la vedrà con Kei Nishikori. In una partita d'andamento quasi simile il giapponese fa un sol boccone di Stan Wawrinka rimettendo in parità gli scontri diretti tra i due - adesso il bilancio è di quattro vittorie per testa.

Nella prima frazione di gioco Nishikori concede tre palle break, tutte nel secondo game, ma è molto bravo a salvarle e a non partire ad handicap. Superato questo ostacolo il match è equilibrato ed anche qui è il tie-break ad ergersi come giudice supremo del parziale.

Wawrinka commette troppi errori, l'asiatico ne approfitta e conclude per 7-3 la prima frazione di gioco. L'allievo di Michael Chang sembra poter prendere il largo ad inizio secondo set, il primo break della partita è infatti suo, break che lo proietta sul 3-1 e servizio.

A questo punto Wawrinka ha un sussulto, una reazione d'orgoglio che lo rimette immediatamente in carreggiata e chegli fa recuperare il break di svantaggio. Situazione che dura però solamente qualche minuto visto che Nishikori infila il terzo break di fila dell'incontro, break, questo si, che risulterà decisivo visto che non ci saranno più scossoni: 7-6(3) 6-3 lo score finale.

Il giapponese vola in finale e, visti anche i precedenti, si candida come favorito del torneo. Ma occhio a super Grigor Dimitrov. .