Andy Murray: "Il Sudamerica merita il proprio Master 1000"

Il tennista britannico ha avanzato una proposta che ha avuto grande seguito sui social

by Gianluca Ruffino
SHARE
Andy Murray: "Il Sudamerica merita il proprio Master 1000"
© Kelly Defina-Getty Images

Il paradosso del Sudamerica: un continente con un gran movimento che non ha il suo Master 1000. Lo swing sulla terra battuta sudamericana conta 4 tornei: due Atp 250 in Argentina (Cordoba e Buenos Aires), l’Atp 250 di Santiago del Cile e il 500 di Rio De Janiero.

Troppo poco per realtà che da sempre producono giocatori di alto livello e che assicurano sempre calore e pubblico delle grandi occasioni. Il tre volte campione slam britannico Andy Murray ha voluto esprimere la propria opinione sul tema, pubblicando un post su X che ha aperto un dibattito tra gli appassionati e alcuni esponenti di spicco del tennis sudamericano.

Il 36enne scozzese ha scritto: “Unpopolar Opinion. Il Sud America dovrebbe avere un proprio swing dedicato nel tour del tennis con una propria serie di master. Il modo in cui i tifosi sostengono i tornei è incredibile.

Atmosfere incredibili e chiaramente parte della loro cultura sportiva. Vamos @atptour!”.

Il suo messaggio è stato sostenuto da leggende come Boris Becker, giocatori attuali come Diego Scwartzman e numerosi esperti del mondo del tennis.

L’attuale calendario e le nuove possibili tappe in Arabia

Le difficoltà nell’attrarre i big del tour sudamericano sono dettate dallo scomodo calendario previsto dall’Atp. I quattro tornei latini sono previsti nel mese di febbraio, a cavallo tra l’Australian Open e i due Master 1000 americani di Indian Wells e Miami.

Per gran parte degli atleti diventa dunque controproducente passare dal cemento alla terra rossa prima di altri due impegni sul duro, decidendo dunque di prendere parte agli eventi di preparazione ai tornei statunitensi. Tra i big del tennis mondiale, soltanto gli spagnoli Ferrer, Nadal e Alcaraz hanno calcato i campi sudamericani, ricevendo grande affetto dal pubblico.

L’idea proposta da alcuni utenti è stata quella di anticipare il "Sunshine Double" di Indian Wells e Miami a febbraio e installare il tour in Sud America all'inizio di marzo, possibilmente con un torneo di categoria 1000.

L’apertura ad un torneo saudita però sembra chiudere la strada a questa decisione. A Andy Murray hanno fatto eco Boris Becker, che in risposta al tweet dell’ex numero uno ha affermato che "Il tennis dovrebbe andare nei Paesi/continenti dove il gioco è in piena espansione" e Diego Schwartzman, che ha commentato: "Ogni anno riceviamo meno sostegno.

Non solo per il sostegno dei tifosi ai tornei. Anche per i giocatori che abbiamo, e che abbiamo avuto al vertice. Ci meritiamo di più da parte dell'ATP”.

Andy Murray
SHARE