Andy Murray dopo l'esordio vincente a Basilea: "È stato ridicolo..."

Il tennista britannico ha faticato per avere la meglio sul tedesco Hanfmann

by Gianluca Ruffino
SHARE
Andy Murray dopo l'esordio vincente a Basilea: "È stato ridicolo..."
© Fred Lee/Getty Images

Essere tifosi di Andy Murray non è una cosa per i deboli di cuore. Il tennista britannico ha abituato i propri fan a successi entusiasmanti e a partite memorabili, per lunghi tratti della sua carriera giocando alla pari con i Big Three.

Poi gli infortuni, le operazioni che hanno cambiato irrimediabilmente la sua carriera. Ma Sir Andy Murray non si è arreso alle difficoltà del destino, e con umiltà ha deciso di tornare in campo e adattare i propri obiettivi, ascoltando il proprio corpo.

E magari sarà impossibile rivedere l’ex numero uno del mondo competere per i tornei che contano, ma quel che è certo è che il 36enne britannico non uscirà mai dal campo senza aver dato tutto.

Ennesima dimostrazione di questo discorso è stata la vittoria al primo turno dell’Atp 500 di Basilea contro Yannick Hanfmann, una battaglia durata due ore e 19 minuti in cui Murray ha più volte avuto la partita in mano, ma puntualmente, in entrambi i set, ha dovuto subire la reazione d’orgoglio del tedesco.

Finisce 7-5 6-4 per il tennista di Glasgow, che si è visto due volte recuperare il break di vantaggio, prima di strappare il servizio proprio nel finale di set. Al secondo turno dello Swiss Indoors Basel Murray affronterà uno tra Sebastian Korda e l’argentino Tomas Martin Etcheverry.

Nell’intervista a bordo campo il britannico ha analizzato la sua vittoria su Hanfmann, dicendosi soddisfatto per essere riuscito ad ottenere il successo.

Le parole di Andy Murray a fine partita

Murray ha lodato la stagione dell’avversario.

“Sono contento di avercela fatta. Ha avuto un anno brillante e ha giocato molto bene, quindi è un buon risultato” ha detto l’ex numero uno. Il tre volte campione slam ha affrontato otto palle break e ha subito il break quando ha servito per il match sul 5-3 nel secondo set.

È stata dura. I primi quattro o cinque game sono durati circa 45 minuti. Non ricordo di averne avuti così tanti prima d'ora, è stato ridicolo. Alla fine del primo set ho avuto un'occasione, non l'ho sfruttata e sono riuscito a strappare un break alla fine.

Nel secondo è salito di nuovo in cattedra, non è riuscito a chiudere, ma è stato bravo a reagire e a ottenere il break alla fine. Ovviamente ho giocato un ottimo punto sul match point per chiudere” ha spiegato Murray.

Andy Murray
SHARE