"Non mi ha aiutato": Andy Murray deluso dopo il ko con Isner



by   |  LETTURE 4608

"Non mi ha aiutato": Andy Murray deluso dopo il ko con Isner

Si ferma al secondo turno l'avventura del tennista britannico ed idolo di casa Andy Murray. Il grande campione si ferma sempre sul più bello, aveva una grossa chance visto il tabellone e le varie assenze, ma fatica a tornare o comunque avvicinare il livello del tennista che vinceva qui anni fa.

L'ex campione Slam è stato eliminato al secondo turno dall'americano John Isner e quest'ultimo ora affronterà al terzo turno il nostro Jannik Sinner, di certo non uno specialista dell'erba. Murray è apparso molto deluso in conferenza ed ha analizzato i motivi della sconfitta: "Tutto ciò è frustrante e non mi ha aiutato.

Sto bene fisicamente e gioco bene a tennis, ma ho un problema. Servizio e risposta sono i due colpi fondamentali su questa superficie ma sono dieci giorni che non riesco a servire. Fisicamente sto bene, i miei addominali stanno bene e le cose andavano bene in questi primi giorni di Wimbledon ma non sono riuscito a vincere.

Motivi? Non ho servito bene nei primi set mentre lui ha servito molto bene, come prevedibile. Inoltre ho sbagliato un paio di rovesci quando oggettivamente non dovevo. Lui mi ha dato poche opportunità ed io non ho risposto bene alle sue risposte"

Andy Murray sui progetti futuri

Murray ha parlato della possibilità di lottare a Wimbledon e negli Slam futuri nei prossimi mesi ed anni e ha spiegato: "Partite come quelle contro Isner si possono vincere o perdere, capita a tutti ed anche per me è lo stesso.

Se sto bene fisicamente continuerò a giocare, dipende tutto dal mio fisico. Dopo quello che ho passato è difficile fare previsioni, ma in generale non è facile mantenermi in condizioni ottimali per competere ai massimi livelli.

Obiettivi? Ora non so onestamente ma voglio diventare testa di serie nei tornei del Grande Slam, quindi devo migliorare la classifica, spero di riuscirci per gli Us Open o al massimo per gli Australian Open 2023" Prima del torneo londinese Murray sembrava molto ottimista circa le sue possibilità ed ora questa sconfitta ha sicuramente demoralizzato l'atleta britannico, che, vuole nuovamente competere per grandi tornei.