Andy Murray interviene in difesa di Emma Raducanu: le belle parole del britannico



by   |  LETTURE 2419

Andy Murray interviene in difesa di Emma Raducanu: le belle parole del britannico

Dai messaggi di aiuto alla difesa per Emma Raducanu da parte di Andy Murray. Ad inizio stagione, il britannico si era offerto per dare consigli alla sua connazionale, che aveva disputato il torneo di Acapulco con un problema all'anca.

"Non credo di essere necessariamente la persona giusta per darle consigli su cose e momenti del genere, ma lei ha la sua squadra con cui sta lavorando, di cui si fiderà per questi difficili momenti. Certo, se lei volesse conoscere la mia opinione o se volesse ricevere qualche mio consiglio sarei più che felice di aiutarla.

Attendo nel caso suoi messaggi e sarò felice di ascoltarla e appunto aiutarla": questo aveva dichiarato ai microfoni di Tennis 365 sulla giovane promessa del tennis femminile. A metò stagione, però, con la mancanza di risultati, sia su cemento sia su terra rossa, il più volte campione Slam è intervenuto a difesa di Emma Raducanu: in particolare, sull’uso da parte dei media di alcune parole fraintendibili che l’atleta ha rilasciato nel corso della sua breve carriera.

"Lasciate che sia quella che è, e sai, potrebbe dire alcune cose che sono uno scherzo o forse non intende o qualsiasi altra cosa” - ha dichiarato il campione olimpico a Matt Graveling di BBC Sports.

Il rapporto con i media

“Ci sono alcune persone in questa stanza che sono sicuro che quando avevano 18 o 19 anni hanno fatto degli errori e fatto cose che non avrebbero dovuto fare e detto cose che assolutamente non avrebbero dovuto dire e gli atleti sono gli stessi.

Faremo errori e diremo le cose sbagliate a volte ma forse non giudicarci troppo duramente quando lo facciamo e sono sicuro che aiuterebbe un po' Emma [Raducanu]", ha dichiarato l’ex numero uno sulla sua collega.

Un rapporto burrascoso che anche lui ha vissuto in passato, soprattutto quando muoveva i primi passi nel tennis professionistico. "Penso che ci debba essere un livello di fiducia e rispetto tra i giocatori e i media. Ho anche avuto problemi all'inizio della mia carriera in cui forse alcune cose che ho detto sono state prese fuori contesto o battute che avrei potuto fare, si sono trasformate in grandi storie e grandi titoli in cui ha trasformato le cose un po' aspre e negative", ha detto Murray.