Le stupende parole di Murray per Matteo Berrettini dopo Stoccarda



by   |  LETTURE 52694

Le stupende parole di Murray per Matteo Berrettini dopo Stoccarda

L'ex numero uno al mondo Andy Murray si è arreso solo in finale e dopo una grande battaglia al nostro Matteo Berrettini. Il tennista britannico ha mostrato per tutto il torneo di Stoccarda la sua attitudine sull'erba, superficie dove ha raggiunto alcune delle più grandi vittorie della sua carriera.

Dopo aver perso il primo set Murray ha reagito alla grande pareggiando i conti contro un azzurro apparso in gran forma. Nel terzo set Matteo è salito nuovamente in cattedra mentre Andy ha chiamato un MTO ed ha evidenziato qualche problemino fisico.

Ciò nonostante ha rispettato pubblico ed avversario e ha terminato il match, perdendo 6-3 contro Berrettini. Un ottimo torneo per Murray, che, a meno di spiacevoli inconvenienti legati a problemi fisici, parteciperà prima al Queen's e successivamente a Wimbledon, torneo a cui storicamente è legato.

Le parole di Andy Murray nel post partita

Il campione britannico è intervenuto nel post partita e durante la premiazione ha ringraziato tutti ed ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: "È stata una settimana incredibile, era la prima volta a Stoccarda per me.

Mi sono goduto il tempo e qui abbiamo fatto davvero un gran lavoro. I fan sono stati fantastici, mi hanno supportato fin dall'inizio e c'era un'atmosfera fantastica, grazie a tutti. Faccio le congratulazioni a Matteo, tornava da un'operazione e sono consapevole che non è mai facile.

Ha giocato in maniera grandiosa oggi, si è meritata vittoria. Gli faccio l'in bocca al lupo per il futuro. Abbiamo fatto grandi progressi nelle ultime settimane, spero di migliorare il mio tennis nelle prossime settimane"

Per Berrettini è il secondo titolo a Stoccarda, l'azzurro rientrava dopo un lungo infortunio ed ha parlato così durante la premiazione: "È qualcosa di incredibile, era l'ultima cosa che avrei immaginato quando sono arrivato qui.

Tornare dopo la prima operazione della mia vita e la riabilitazione non è mai semplice. Non ho giocato il mio miglior tennis, non ero al meglio della condizione, eppure è stata una grande settimana"