Andy Murray e la sua rinascita: "Non mi pongo limiti, ecco cosa voglio"



by   |  LETTURE 2290

Andy Murray e la sua rinascita: "Non mi pongo limiti, ecco cosa voglio"

Dopo anni di infortuni e diversi problemi fisici l'ex numero al mondo Andy Murray sta affrontando un gran percorso di recupero per migliorare le sue condizioni fisiche e la sua classifica nel circuito. Spesso sfortunato nei sorteggi Andy lavora per tornare o almeno avvicinare i tempi d'oro, il periodo in cui riuscì a conquistare ben tre titoli del Grande Slam.

Il prossimo torneo che lo vedrà protagonista è il torneo Atp di Vienna dove Murray affronterà al primo turno il numero 9 al mondo Humbert Hurkacz. Il tennista britannico ha parlato dei suoi progressi rispetto a Wimbledon: "Tutte queste cose sembrano andare meglio, dalla stagione sull'erba agli Us Open ho giocato sempre meglio.

Da Flushing Meadows ho avuto un miglioramento costante, settimana dopo settimana. Non tutto è stato perfetto ma in tante di queste gare ho giocato tutte le mie chance e questo non è stato possibile a Wimbledon e nelle gare che hanno preceduto gli Us Open.

Inoltre nelle ultime settimane ho avuto belle vittorie contro avversari di livello"

Andy Murray commenta il suo ritorno nel circuito

In tanti pensavano che Murray non riuscisse neanche a tornare a giocare a tennis e di questo il campione britannico ha parlato: "È incredibile alla fine che io sia riuscito a tornare a giocare.

In tante mie gare in questo nuovo inizio le persone mi dicevano 'E' il suo livello massimo e non può fare altro per fare di meglio' La realtà è che nessuno dovrebbe dirmi ciò dopo quello che ho passato e non credo che ci siano tennisti o persone che possano competere con i Top 5 con un metallo nel fianco.

Sono orgoglioso di me stesso per questa cosa e perché riesco ancora a competere con i migliori. Certo, non mi pongo limiti e se voglio avvicinare i miei vecchi livelli devo vincere contro i migliori" Infine Andy continua: "Devo essere più freddo e deciso quando arrivano le varie opportunità, quello era uno dei miei punti di forza quando ero al Top ed ho bisogno di ritornare a quello.

Devo chiudere subito i set e non mettermi nella lotta anche perché contro i grandi tennisti non avrò tante possibilità per vincere"