Andy Murray parla della sua recente crescita e dei suoi obiettivi futuri



by   |  LETTURE 2116

Andy Murray parla della sua recente crescita e dei suoi obiettivi futuri

Sono stati davvero in tanti a dubitare di un ritorno nel circuito dell'ex numero uno al mondo Andy Murray. Il tennista britannico ha vissuto periodi davvero complicati negli ultimi anni e tra i fan in tanti non credevano (e non credono) in una sua risalita.

Andy sta trovando tante difficoltà ma lavora duramente e cerca in tutti i modi di risalire la china. Agli Us Open è stato ad un passo dall'impresa ed è stato battuto in cinque set dopo un grande match contro il numero 3 al mondo Stefanos Tsitsipas, match che ha visto poi tante critiche a causa dei cosiddetti 'Toilet Break'

In questa settimana Murray è protagonista al torneo Atp di Metz ed al primo turno è uscito vincitore dopo una lunga e dura battaglia contro il francese ed idolo di casa Ugo Humbert. Un match equilibrato che ha visto il britannico vincere in rimonta.

Le parole di Murray nel post partita

Al termine del match Andy Murray ha rilasciato in conferenza stampa le seguenti dichiarazioni: "Ci sono due cose che contano davvero alla fine, i tuoi sforzi ed il tuo atteggiamento in campo, due sforzi dove puoi essere sempre il numero uno al mondo, due cose che sono solo in tuo potere.

Per me lo sport ruota intorno a tutto ciò, il resto conta di meno, poi luoi vincere o meno. Vincere alla fine è lo sport, poi se puoi farlo giocando bene ancora meglio. Ma se non puoi e vinci anche non giocando al meglio, questo ti dà grandi sensazioni ed ecco il motivo per cui continuo a giocare.

Ho ancora degli obiettivi da raggiungere nella mia carriera, penso magari a vincere 700 gare ufficiali. Al momento non mi interessa perdere e giocar bene, meglio vincere anche senza giocar bene. Il prossimo match? Il mio corpo sta reagendo bene, non credo di aver giocato cosi bene recentemente e penso che ho avuto anche buone occasioni per vincere contro tennisti di alto livello.

Penso però che posso fare ancora meglio. Da Wimbledon il mio servizio è cresciuto molto e da allora riesco ad ottenere più punti 'gratis' Agli Us Open ho giocato un grande match contro Tsitsipas ed ho perso, contro Ugo ho avuto maggiori difficoltà ma vittorie come queste sicuramente aumentano la tua fiducia"