Murray provoca ancora Tsitsipas: interviene il fratello del tennista greco



by   |  LETTURE 14092

Murray provoca ancora Tsitsipas: interviene il fratello del tennista greco

Quella tra Andy Murray e Stefanos Tsitsipas è stata una partita così ricca di tensione ed emozioni che sembra non essere ancora terminata. L’ex numero uno del mondo non ha digerito il comportamento del suo avversario, che alla fine del quarto set ha abbandonato il campo, usufruito di un lunghissimo toilet break e interrotto l’incontro per una decina di minuti.

Nonostante le critiche ricevute anche da altri colleghi, il greco ha deciso di ripetere lo stesso schema praticamente in ogni partita e ha dichiarato che non nessuna intenzione di rinunciare alla sua “nuova” abitudine.

Murray provoca ancora Tsitsipas: interviene il fratello del greco

In conferenza stampa, Murray ha attaccato Tsitsipas e spiegato che gli arbitri dovrebbero intervenire in queste situazioni. “Tsitsipas è un grande giocatore, ma ho perso il rispetto per lui dopo quello che ho visto oggi.

Il problema non è tanto lasciare il campo ma farlo per tutto quel tempo. Se in una partita così combattuta ti fermi per 7-8 minuti, è devastante. Avevo parlato col mio team alla vigilia e ci eravamo detti di aspettarci una situazione del genere, poi però, quando ti trovi a viverla, non esiste preparazione mentale che tenga.

Ci si raffredda, ci si appiattisce, si perde l’adrenalina. Si parla da tempo di regolamentare questi aspetti, ma poi non si fa nulla. Io posso sembrare quello che parla perché ha perso, ma in realtà non va bene per la tv e non va bene per il pubblico” .

Nel corso della sua mattinata newyorkese, Murray ha poi rincarato la dose pubblicando un simpatico ma velenoso tweet. “Notizia del giorno. Stefanos Tsitipas impiega il doppio del tempo per andare in bagno rispetto a Jeff Bazos per volare nello spazio.

Interessante” .

Il commento di Murray ha però trovato una nuova risposta, perché Petros Tsitsipas, fratello di Stefanos, ha voluto esprimere la sua opinione.

“Non mi sarei mai aspettato un comportamento del genere da una presunta leggenda del tennis! “ .