Andy Murray e Grigor Dimitrov svelano il loro idolo da piccoli



by   |  LETTURE 3009

Andy Murray e Grigor Dimitrov svelano il loro idolo da piccoli

Ex numero uno del mondo e tre volte campione Slam, lo scozzese Andy Murray è stato battuto al terzo turno del torneo di Wimbledon dal canadese Denis Shapovalov, dopo aver superato nelle precedenti partite Nikoloz Basilashvili e Oscar Otte.

Intervistato recentemente da Tennis TV, il tennista di Dunblane ha fatto il nome del suo più grande idolo da piccolo: “Quando ero molto piccolo, Agassi era il tipo che mi piaceva perché era semplicemente diverso.

Mi piaceva la sua personalità. È stato il primo giocatore che ho avuto piacere a seguire in TV e il primo che ho voluto imitare”.

Murray: “Volevo emularlo”

Proseguendo l’intervista, Andy ha dichiarato: “Avevo i suoi vestiti.

Quando portava la coda di cavallo, i miei genitori mi regalarono un cappellino con una coda di cavallo finta attaccata. Insomma, lui è stata la prima persona che ho voluto imitare”. Anche il connazionale Cameron Norrie, attuale numero 30 del mondo, ha concordato con Murray: “Andre Agassi era il mio giocatore preferito, credo che abbia disputato delle partite incredibili, colpiva la palla in maniera così pulita.

Sì, era fantastico da guardare”. Il bulgaro Grigor Dimitrov ha anche fatto il nome del grande Pete Sampras: “Probabilmente, loro due erano i miei preferiti in assoluto”. Murray è l’unico giocatore nella storia di questo sport ad essere riuscito a conquistare due medaglie d’oro consecutive in singolare alle Olimpiadi: il britannico ha infatti trionfato a Londra nel 2012 e a Rio de Janeiro nel 2016, sconfiggendo prima Roger Federer e poi l’argentino Juan Martin del Potro.

Presente anche a Tokyo, Andy – ormai lontano dai suoi altissimi livelli – tenterà di difendersi dall’assalto di numerosi giocatori, ormai consapevoli di poterlo battere. Favorito numero uno del torneo non potrà che essere il serbo Novak Djokovic, intenzionato più che mai a completare il Golden Slam.

Assenti invece Roger Federer e Rafael Nadal, che dovrebbero tornare sul circuito in occasione del tour su cemento americano. Photo Credit: Internazionali BNL d'Italia