Andy Murray dà forfait al Challenger di Biella 2: ecco il motivo



by   |  LETTURE 2776

Andy Murray dà forfait al Challenger di Biella 2: ecco il motivo

Non è un momento facile per la carriera dell'ex numero uno al mondo e membro per diverso tempo dei 'Fab Four' Andy Murray. Il tennista britannico che ha dovuto rinunciare agli Australian Open 2021 a causa della positività al Coronavirus ha partecipato la scorsa settimana al Challenger di Biella 1 ed è stato sconfitto in finale da Marchenko.

È di oggi la notizia che lo scozzese ha avuto un nuovo infortunio, un problema muscolare con affaticamento all'anca che lo costringerà al forfait al Challenger di Biella 2, dove, al primo turno doveva sfidare il tennista azzurro Federico Gaio.

Una brutta notizia per gli appassionati di tennis con Murray che ormai da oltre un anno è alle prese con problemi fisici che rallentano ed anzi bloccano il suo rientro nel circuito Atp. Il tennista ha 33 anni ma tutti sono curiosi di capire se mai Andy riuscirà a tornare quel tennista che abbiamo ammirato vincere tornei del Grande Slam (oltre all'oro olimpico) e combattere per anni con Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer.

Le ultime su Andy Murray

Nelle prime giornate del Challenger di Biella 1 Andy sembrava giocare un discreto tennis, lontano parente del Murray del passato, ma sembrava poter tornare a pieno nel circuito Atp. Questo nuovo stop rallenta le sue aspettative e il suo rientro, a meno di nuovi problemi fisici, è previsto per il torneo Atp di Montpellier.

In una recente intervista ai microfoni del Sunday Post l'ex cinque volte finalista a Melbourne ha attaccato quelli che, a suo parere, sono stati i responsabili della sua positività, ovvero il National Tennis Center (NTC) di Londra ed Andy aveva spiegato: "Mi sono attenuto a tutti i protocolli in vigore, ero arrabbiato di aver perso il primo Grande Slam della stagione ed ero arrabbiato di non essere potuto andare in Australia, ma soprattutto il punto più importante è che tornando a casa ho infettato tutta la mia famiglia ed ero davvero abbattuto"

Negli ultimi tempi lo scozzese sembrava ottimista e questo ultimo stop potrebbe frenare nuovamente la sua carriera.