Tampone positivo per Andy Murray: gli Australian Open sono a rischio



by   |  LETTURE 990

Tampone positivo per Andy Murray: gli Australian Open sono a rischio

Lo scozzese Andy Murray è risultato positivo al test per il Coronavirus: il trentatreenne di Glasgow sarebbe dovuto partire per l’Australia nelle scorse ore, ma i suoi programmi sono adesso radicalmente cambiati.

Oggi in isolamento, Andy rischia di non poter prendere parte al primo Grand Slam della stagione, al via dal prossimo 8 febbraio: dovrebbe infatti dimostrare di essere guarito in brevissimo tempo, fornendo il più presto possibile un risultato negativo.

Forse, la sua unica chance è quella di presentarsi a Melbourne con un volo privato.

I risultati di Murray a Melbourne

Classe 1987, Andy ha partecipato agli Australian Open per la prima volta in carriera all’età di 19 anni nel 2006, uscendo al primo turno contro Juan Ignacio Chela.

L’anno successivo, da 15° testa di serie, Murray si spinse fino agli ottavi di finale dopo aver eliminato Alberto Martin, Fernando Verdasco ed essersi preso la rivincita su Chela, prima di perdere in una combattutissima sfida conclusasi al quinto set contro Rafael Nadal.

Nel 2008 fu subito fermato dal futuro finalista Jo-Wilfried Tsonga, mentre nel 2009 tornò negli ottavi prima di uscire contro Verdasco, autore di uno spettacolare torneo. L’anno successivo ecco la prima finale a Melbourne, persa contro lo svizzero Roger Federer in tre set.

Nel 2011 perse di nuovo nell’ultima partita, stavolta contro Novak Djokovic. Nel 2012 fu fermato in semifinale dallo stesso Djokovic, dopo essere stato in vantaggio di due set a uno. Negli anni 2013-2016 fu capace di raggiungere altre tre volte la finale, rimediando sempre le sue sconfitte contro il campione serbo.

Nel 2014 non fu in grado di superare i quarti, sorpreso da Federer. Assente tre anni fa e nell’ultima edizione, Murray ha fatto ottavi di finale nel 2017 e primo turno nel 2019, sconfitto rispettivamente da Alexander Zverev e Roberto Bautista Agut.

In generale, l’ex numero uno del mondo vanta un bilancio di 48 vittorie e 13 sconfitte a Melbourne. La pandemia di Coronavirus scoppiata nel 2020 ha provocato quasi due milioni di decessi in tutto il mondo, contagiando più di 90 milioni di persone.

Photo Credit: AP News