Andy Murray: “I miei figli non sembrano interessati al tennis”



by   |  LETTURE 995

Andy Murray: “I miei figli non sembrano interessati al tennis”

L’ex numero uno del mondo Andy Murray è oggi padre di tre bambini: Sophia Livia (nata nel 2016), Edie (nel 2017) e Teddy, unico maschietto, arrivato poco più di dodici mesi fa. Lo scozzese è sposato da cinque anni con Kim Sears, dopo un lungo periodo di fidanzamento.

Quest’anno, Andy ha giocato davvero molto poco: ha partecipato al torneo di Cincinnati, agli Us Open, al Roland Garros e al primo dei due eventi a Colonia. Ha giocato sette partite in totale, vincendone tre. Numero uno ATP per 41 settimane consecutive, Murray è oggi fuori dai primi 100 della classifica mondiale.

Andy Murray parla dei figli

Il campione di Dublane ha sempre affermato che avrebbe aiutato con piacere i propri figli nel tennis, se avessero scelto questa disciplina come loro sport. Tuttavia, pare che questo non accadrà: “Ci ho provato, ma non hanno alcun interesse per quello che gli dico”, ha detto Murray, in un’intervista pubblicata da EssentiallySports.

“Se vogliono provare a giocare a tennis, sarei felice di dare loro una mano. Ma non credo succederà”. Insomma, sembra proprio che i tre eredi del pluricampione Slam abbiano tutt’altri progetti in mente.

Andy ha vinto due edizioni di Wimbledon, nel 2013 e nel 2016. I suoi avversari in finale sono stati Novak Djokovic e Milos Raonic, superati entrambi in tre set. Il suo ultimo sigillo sul circuito – il 46° della carriera – è arrivato poco più di un anno fa sul cemento di Anversa, dove ha superato lo svizzero Stan Wawrinka col punteggio di 3-6 6-4 6-4.

E’ stato il suo primo titolo in due anni e mezzo: prima di allora aveva trionfato per l’ultima volta a Dubai nel 2017, battendo in finale Fernando Verdasco in due set. Murray, che aveva già annunciato il ritiro agli Australian Open dello scorso anno, potrebbe disputare il suo ultimo torneo a Wimbledon 2021: è solo un’ipotesi naturalmente, niente di ufficiale.

Per Andy significherebbe, comunque, dare il suo addio al mondo del tennis sul palcoscenico più importante di questo sport, che lo ha visto diventare il primo giocatore britannico ad assicurarsi il trofeo da Fred Perry negli anni ’30. Photo Credit: Eurosport