Il motivo per cui Murray ha deciso di non aderire alla nuova PTPA di Djokovic



by   |  LETTURE 3355

Il motivo per cui Murray ha deciso di non aderire alla nuova PTPA di Djokovic

“E’ dura per gli uomini ed è dura per le donne, l’etica del lavoro è la stessa, non ci sono sconti per nessuno. Bisogna allenarsi senza sosta, analizzare le partite, gli avversari, viaggiare di continuo e spesso abbandonare i propri cari per lunghi periodi.

Le donne nel tennis non fanno nulla di diverso da noi uomini: in questi anni si è fatto molto e ci sono stati progressi in merito alla parità dei sessi, ma non è abbastanza” . Questa è stata solo una delle tante dichiarazioni a sostegno della parità di genere di Andy Murray.

L’ex numero uno del mondo ha sempre mostrato grande interesse verso questo importante e delicato tema e si è sempre battuto in prima persona per garantire alle donne lo stesso trattamento, economico in primis, riservato agli uomini.

Il motivo per cui Murray ha scelto di non aderire alla PTPA

Ora che Novak Djokovic e company hanno dato vita alla Professional Tennis Player Association, una associazione indipendente dei tennisti, Murray ha deciso di non aderire proprio perché l’organizzazione è stata pensata come rivolta solo agli uomini.

“Oggi non firmerò nessun documento” , ha spiegato in conferenza stampa lo scozzese. “Non sono contrario ad un’associazione dei giocatori, ma ci sono due ragioni che per il momento mi spingono a non aderire.

Primo, penso che l’attuale gestione dovrebbe avere più tempo per far conoscere a tutti la propria visione delle cose. A seconda che il loro lavoro funzioni o meno, potremmo poi essere in grado di prendere una decisione diversa in futuro.

Poi, considero il fatto che le donne non ne fanno parte. Con la loro presenza, si lancerebbe un messaggio molto più potente. Se queste cose cambieranno in futuro, riconsidererò la mia adesione alla PTPA” .

Murray sarà impegnato questa settimana agli US Open e sfiderà al primo turno il giapponese Yoshihito Nishioka. In caso di vittoria, Murray potrebbe poi trovare sul suo cammino la testa di serie numero 15 del torneo, ovvero Felix Auger-Aliassime.