Murray ed il ritorno al successo: "Sto bene, ecco qual era la mia preoccupazione"



by   |  LETTURE 2384

Murray ed il ritorno al successo: "Sto bene, ecco qual era la mia preoccupazione"

Nel primo turno del Masters 1000 di Cincinnati sicuramente una delle più belle notizie per gli appassionati del mondo del tennis è il ritorno al successo di Andy Murray. Il campione britannico è stato negli ultimi anni alle prese con diversi infortuni, e nonostante gli auguri che possiamo fare al giovane americano Frances Tiafoe, tutti sono contenti di vedere di nuovo al lavoro il più volte campione di tornei del Grande Slam.

In questo primo turno di Cincinnati Murray ha conquistato il successo battendo l'avversario in 3 set e al secondo turno avremo il primo grande match del torneo con Murray che sfiderà il giovane e talentuoso tedesco Alexander Zverev.

Le parole in conferenza di Andy Murray

Nel post gara il campione britannico ha commentato così la sfida: "Penso di essermi mosso davvero bene oggi e questo è quello che mi rende più felice, in fondo i miei movimenti erano la mia più grande preoccupazione prima di affrontare questa sfida.

So allo stesso che il mio tennis sarebbe potuto essere migliore, ho giocato meglio nel terzo set ma credo che per quel che riguarda il mio gioco posso ancora alzare il mio livello" Murray si è portato a casa l'incontro con il risultato di 7-6;3-6;6-1.

Continuando Murray dichiara: "Il mio fianco era davvero il mio più grande dubbio, temevo che non andasse bene e in questo giorni ho lavorato molto per rafforzarlo in vista di questa sfida. Sono tornato alla competizione dopo tanto tempo, l'avversario non era semplice e sono riuscito a vincere la partita.

Per fortuna ora ho la possibilità di giocare di nuovo contro un top player, era il mio desiderio. Più tempo trascorro con i migliori tennisti del circuito e più velocemente guadagnerò il livello di tennis che desidero.

Il prossimo avversario di Murray sarà Zverev: "Alexander è uno dei top nel nostro sport, ormai da alcuni anni. Sarà sicuramente un buon test per me, questo è certo. È un ragazzo che si muove molto bene nonostante la statura e su questa superficie è molto solido.

A volte ha avuto problemi con il servizio, ma quando serve bene è uno dei migliori al mondo" I due hanno avuto un solo precedente in carriera, ma era davvero tempo fa, erano gli Australian Open del 2016 e Murray conquistò la vittoria nettamente con il risultato di 6-1;6-2;6-3.