Delgado: "L'obiettivo di Murray è tornare a competere contro i migliori"



by   |  LETTURE 961

Delgado: "L'obiettivo di Murray è tornare a competere contro i migliori"

Quando dopo tanti sacrifici diventi finalmente un vero campione, resti tale per tutta la vita. La carriera ed i risultati raggiunti da Andy Murray nel mondo del tennis parlano chiaro. Il giocatore scozzese ha vinto 3 titoli del Grande Slam( 2 volte Wimbledon ed una volta gli US Open) , 14 tornei Masters 1000, 2 medaglie d’oro olimpiche in singolare, una volta le ATP Finals e raggiunto la prima posizione del ranking mondiale nell’era dominata da Roger Federer, Novak Djokovic e Rafael Nadal.

Numeri impressionanti che lo hanno portato ai vertici del tennis mondiale. Proprio in uno dei momenti migliori della sua carriera, Murray ha dovuto fare i conti con un serio problema all’anca. Problema che lo ha costretto a diverse operazioni ed a molti mesi lontano dalle competizioni.

Con la forza dei veri campioni, Andy non ha mollato di un centimetro e sul finale della scorsa stagione è tornato a vincere un torneo in singolare ad Anversa battendo in finale il tre volte campione Slam Stan Wawrinka.

Murray vuole tornare a competere contro i migliori, parola di Jamie Delgado

Quest’anno, i problemi all’anca sono tornati e Murray non ha partecipato a nessun torneo ufficiale, ma come ci ha tenuto a ribadire il suo allenatore Jamie Delgado: è ancora convinto di poter competere contro i più forti tennisti del Tour.

“È stato frustrante” , ha raccontato Delgado ad Eurosport riferendosi alla lunga pausa di Murray dopo l’intervento chirurgico. “Ma alla fine della giornata vuole ancora prepararsi per competere contro i migliori giocatori al mondo e fare ciò che ama.

È ancora super determinato e motivato, assolutamente. Senza alcun dubbio, è questo il suo obiettivo: tornare a competere di nuovo contro i migliori. Ed il suo team la pensa esattamente come lui, questo è ciò per cui stiamo lavorando duramente.

Ha concluso la scorsa stagione molto bene vincendo il titolo ad. Anversa. È stato fantastico. Poi quest’anno, per diversi motivi, non siamo stati in grado di partecipare a nessun torneo. Speriamo tutti di poter tornare a gareggiare il prima possibile.

È difficile dire cosa sarebbe successo se non si fosse infortunato. Era il numero uno del mondo, quindi penso che avrebbe continuato a vincere. Avrebbe sicuramente lottato per vincere altri tornei del Grande Slam” .

Delgado ha poi parlato della prossima edizione degli US Open. “Gli US Open 2020 saranno molto diversi ma anche unici. Sarà divertente vedere come funzionerà e come andranno le cose. Non vediamo l’ora di entrare in campo e giocare le partite.

Andy ha disputato il torneo di esibizione ‘The Battle of the Birts’ , ma non vediamo l’ora di giocare tornei ufficiali” .