Murray su Fognini: "É andato contro le regole, mai vissuta una cosa simile"


by   |  LETTURE 81287
Murray su Fognini: "É andato contro le regole, mai vissuta una cosa simile"

Andy Murray sta cercando di tornare ai suoi livelli abituali dopo la dura operazione subita all’anca lo scorso gennaio. L’ex numero uno del mondo ha perso un’incredibile partita, durata poco più di tre ore, contro Fabio Fognini al secondo turno del Masters 1000 di Shanghai.

Murray ha servito ben due volte per il match , ma ha clamorosamente fallito entrambe le occasioni. “Ho servito per il match due volte e ho perso dopo tre ore” , ha dichiarato il tre volte campione Slam in conferenza stampa.

“Penso che questa sia stata la prima volta in cui ho servito in due occasioni per il match e non ho vinto, quindi sono deluso. Ovviamente il modo in cui è finita la partita rende tutto più frustrante. Ci sono molte cose su cui devo migliorare, posso fare molto meglio.

Lavorerò sui miei errori e sarò in una posizione migliore la prossima volta che giocherò contro di lui”. La partita di oggi sarà ricordata anche per l’accesa discussione tra i due giocatori in gara.

Murray, infatti, non è riuscito a digerire l’urlo lanciato da Fognini durante una sua volèe e durante il cambio campo ha chiesto spiegazioni all’italiano, innescando così un duro scontro verbale.

“Stavo colpendo una volèe a rete. Qualcuno ha fatto un rumore, non sapevo chi. Ho guardato nella direzione dalla quale proveniva il rumore e lui mi ha detto: ‘Smettila di guardarmi. Perchè mi guardi? ’ .

Ed io ero come: ‘Stavo solo colpendo la palla e qualcuno ha fatto un rumore’. È raro che capiti una cosa del genere mentre un giocatore colpisce la palla nel bel mezzo del punto. Mi ha detto che dovevo smetterla di lamentarmi.

Volevo capire da chi provenisse il rumore, e veniva da lui. È una cosa che non ti è permessa fare, che va contro le regole. Mi ha detto che avrei dovuto avere senso dell’umorismo in quella situazione. Direi che nessuno di noi, in quel momento, era dell’umore giusto per scherzare o ridere.

Questo è stato il mio problema" Fergus Murphy, giudice di sedia dell'incontro, ha dichiarato di aver sentito l'urlo lanciato da Fognini e di aver scelto di non sanzionare l'accaduto. "Non è successo nulla" , ha concluso Murray.

"Non so quali siano le regole a riguardo. Non ho mai vissuto una situazione del genere in una partita e ne ho giocate circa 800. Non mi è mai successo."