Murray: "Non provo dolore, ma tornerò solo se il mio corpo lo permetterà"


by   |  LETTURE 4646
Murray: "Non provo dolore, ma tornerò solo se il mio corpo lo permetterà"

L’ultima partita di Andy Murray è stata quella disputata agli Australian Open contro Roberto Bautista Agut. Dopo la sua grande prestazione, il tennista britannico ha deciso di sottoporsi ad una dura operazione all’anca per migliorare le proprie condizioni di vita e tentare di tornare a giocare a tennis.

A circa tre mesi dall’intervento chirurgico, Murray ha parlato delle sue attuali condizioni e delle sue aspettative per il futuro. “L’anca è in buone condizioni, non provo più dolore” , ha spiegato Murray in un’intervista alla BBC.

“Sono solo un po’ debole a causa della dura operazione subita. In questo momento, però, non provo dolore, sono felice e mi godo la vita”. Murray è attualmente nella lista dei partecipanti del torneo ATP 500 del Queen’s, ma solo perché ha un impegno a vita con l’evento londinese.

“Ho colpito la palla da fermo, senza compiere grandi sforzi e senza fare movimenti. Non sento alcuna pressione per il mio ritorno, ma se il mio corpo lo permetterà, proverò a giocare nuovamente”. Murray ha infine espresso la propria opinione sul futuro di Justin Gimelstob, membro del Board ATP, che è stato accusato di aggressione nei confronti di un uomo.

“Non vedo come, dopo tutto ciò che è accaduto, lui possa mantenere la sua posizione di autorità o di gestione nell’ATP”.