Tennis World Italia
Tennis World
RIVISTA TENNIS WORLD
  NEWS  

WIMBLEDON - Federer eroico: salva tre matchpoint e rimonta due set a Cilic

Federico Mariani - 07-07-2016 - Letture: 3638

L´elvetico riprende una partita persa e trionfa risalendo per la decima volta da sotto 0-2. C´è solo Raonic tra lui e la finale


[3] R.Federer b. [9] M.Cilic 6-7(4) 4-6 6-3 7-6(9) 6-3

È difficile trovare parole per spiegare con un minimo di raziocinio ciò che si è appena consumato sul Centre Court di Wimbledon. Si è visto un giocatore – Marin Cilic - dominare in lungo e in largo, più nettamente di quanto dica il punteggio, i primi due set e mezzo. Se n’è visto un altro – Roger Federer – ribellarsi alla sconfitta, aggrapparsi all’orgoglio e poco più e rimettere in piedi prima, e vincere poi una partita di fatto persa. Nella banale sostanza, Federer rimonta per la decima volta in carriera uno svantaggio di due set, cancella tre matchpoint, e vince la sua ventiquattresima partita al quinto set (19 le sconfitte) che lo spedisce per la quarantesima volta nella semifinale di un Major, l’undicesima a Wimbledon dove finora non ha mai fallito l’appuntamento con la finale. Tanti, anzi tantissimi i rimpianti di un Cilic versione deluxe per quattro set, a cui è mancato l’ultimo decisivo metro per il traguardo. Tra Federer e la finale ora c’è soltanto Milos Raonic.

Nel primo set, come ampiamente preventivabile, il servizio è egemone: c’è un solo game in cui uno dei due vacilla ed è il quinto quando Cilic con due errori marchiani scivola 15-40 ma si toglie dai guai grazie alla prima. Quasi senza emozioni, si approda al tie-break, primo vero spartiacque decisamente importante del match. Al jeu decisif Cilic è straordinario: sostanzialmente perfetto in battuta, aggressivo in risposta. L’inizio è fatale a Roger che perde entrambi i primi punti col servizio a disposizione e in un amen il croato sale 5-0 per poi chiudere sul 7-4 dopo 42 minuti.

La seconda frazione segue il medesimo spartito, amplificato da una percentuale di prime palle dell’elvetico tutt’altro che soddisfacente. Quando si entra nello scambio Cilic è letale: Roger non tiene il ritmo del croato, è poco reattivo e in costante difficoltà. Lo svizzero trova conforto solo nella prima di servizio e quando questa viene a mancare, come nel terzo game Federer è nei guai. La testa di serie numero nove strappa il break nelle fasi di avvio e lo custodisce perfettamente fino al termine allungando il vantaggio a due set con il 6-4 finale, anticamera di una sconfitta del sette volte campione ormai più che probabile.

Nel terzo set quando tutto pare apparecchiato per la comoda vittoria di Cilic – esattamente sul 3-3 con lo svizzero al servizio sotto 0-40 – ecco che un guizzo regale di Federer accende la partita: Roger riemerge dal baratro e nell’ottavo game Cilic si autocondanna al primo break della sua partita con un sanguinoso doppio fallo dopo aver mancato la palla del 4-4. Federer ringrazia e, come un felino, balza sulla prenda e artiglia col 6-3 il terzo set dimezzando lo svantaggio.

Il quarto set diviene presto un thriller: Federer cancella due palle break consecutive nel quarto game, Cilic risponde salvando una situazione omologa nel gioco seguente risalendo da 15-40 con una coppia d’assi. Chiamato a servire per restare in partita sul 4-5 Roger è costretto a cancellare un matchpoint ma si salva col servizio. Due game dopo la storia si ripete: altro straordinario game in risposta, altro matchpoint, altro salvataggio di Federer con l’ace numero 18. Roger si arrampica in qualche modo al tie-break: dopo uno scambio di mini-break iniziale, il primo a scappare è proprio lo svizzero grazie a una risposta che hawk eye giudica vincente per un crine di cavallo, il punto che vale il 5-3. Federer allunga sul 6-4 ma prima fallisce un dritto comodo dopo il servizio, poi Cilic raggiunge la parità a quota 6. Sempre col servizio il croato guadagna il terzo matchpoint, ma Federer non ci sta, spinge la seconda e impatta sul 7-7. Ora è Federer a sciupare mancando due setpoint, di cui uno col servizio a disposizione sul 9-8. Il rush finale sorride allo svizzero che col ventesimo punto del tie-break fissa il punteggio sull’11-9 che gli consente di raggiungere un insperato quinto set.

Nel set decisivo l’inerzia, così come il pubblico del Centre Court, è tutta dalla parte del sette volte campione. Lo sguardo di Cilic è spento, mesto, ancorato alle occasioni gettate, quello di Federer brucia di voglia di vincere. Nel sesto game un passante di dritto consegna a Roger la palla break per scappare, ma Cilic riesce a salvarsi. L’allungo decisivo arriva inesorabile due game dopo quando il dritto in corridoio del croato spalanca a Federer le porta della semifinale, la quarantesima a livello Major. La chiusura sul 6-3 è poco più di una formalità a suggellare una partita di fatto persa e poi miracolosamente vinta.


Nell’altro quarto di finale Milos Raonic si aggiudica la battaglia dei servizi contro Sam Querrey in quattro set. 6-4 7-5 5-7 6-4 in favore del canadese con tutti e quattro i parziali chiusi in volata. È chiaramente una sfida tra due giocatori molto simili che fondano gran parte del loro tennis sullo binomio servizio-dritto, ma Raonic vanta un’evidente maggiore qualità e quasi sempre nel tennis quando si affrontano giocatori da caratteristiche simili, prevale il più forte.

Milos torna così in semifinale a Wimbledon (come nel 2014) in quella che sarà la terza semi a livello Major dopo quelle perse qui ai Championships proprio due anni fa contro Federer e quella di inizio anno a Melbourne persa in cinque set contro Murray.

 

WIMBLEDON, Risultati quarti di finale:

[6] M.Raonic b. [28] S.Querrey 6-4 7-5 5-7 6-4
[3] R.Federer b. [9] M.Cilic 6-7(4) 4-6 6-3 7-6(9) 6-3
 


Tennis World
SCOPRI SUBITO LA RIVISTA
DI TENNIS WORLD !
X
Nome e Cognome
Email valida
Username
Password
* Cliccando su REGISTRATI accetti le nostre regole sulla privacy
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X

Password dimenticata ? Inserisci il tuo indirizzo email e ti invieremo i dati di accesso

Email valida
ATTENZIONE: controllare sempre la cartella spam nella casella di posta, inquanto è possibile che alcuni provider inseriscano automaticamente la mail di attivazione in questa cartella.

CHIUDI
X
Powered by: World(D) 1.6
el: 0,01624